24Feb
1519

Quartetto Casals e LaFil Filarmonica di Milano

Quartetto d’archi e orchestra d’archi

Teatro Verdi Trieste, Riva 3 Novembre 1, Trieste
Lunedì 24 febbraio 2025, ore 20:30

Platea, palchi di Pepiano e di 1° ordine
€ 48,00

1ª Galleria e Palchi di 2° ordine
€ 44,00

2ª Galleria
€ 33,00

Palchi di 3° ordine
€ 32,00

Loggione
€ 25,00

Platea, palchi di Pepiano e di 1° ordine
€ 43,00

1ª Galleria e Palchi di 2° ordine
€ 38,00

2ª Galleria
€ 30,00

Palchi di 3° ordine
€ 29,00

Loggione
€ 24,00

Platea, palchi di Pepiano e di 1° ordine (posti limitati)
€ 10,00

1ª Galleria e Palchi di 2° ordine (posti limitati)
€ 10,00

2ª Galleria
€ 10,00

Palchi di 3° ordine
€ 10,00

Loggione
€ 10,00

Tartiffe speciali e massima flessibilità, un'offerta pensata per voi, da usare da soli o in compagnia: un carnet di 5 concerti della Stagione 93 e altri 5 concerti dalle altre rassegne.

Click per scoprire i dettagli e vantaggi

(*) Gli abbonati alla Stagione Lirica 2024-2025 del Teatro Lirico G. Verdi di Trieste hanno lo sconto del 10% sul prezzo dei biglietti INTERI.

(**) I biglietti UNDER30 si prenotano online utilizzando questo modulo e sono poi acquistabili presso la Segreteria SdC, presso la Biglietteria del Teatro Verdi e la sera del Concerto. Non sono disponibili online.

(***) L'Offerta Carnet 5+5 è acquistabile solo presso la Segreteria SdC.

 

PREVENDITA in SEGRETERIA SdC
Da Lunedì a Venerdì ore 10:00 - 12:00
Piazzetta Santa Lucia, 1 - Trieste

Tel 040 362408 - info@societadeiconcerti.net

PREVENDITA in BIGLIETTERIA TEATRO VERDI
Piazza G. Verdi, 1 - Trieste

Da martedì a sabato dalle 9:00 alle16:00 (nei giorni di spettacolo serale 9.00-13.00 e 18.00-21.00)
Domenica dalle 10:00 alle 13:00 (e da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo). 
E-Mail: boxoffice@teatroverdi-trieste.com
Numero Verde 800 898 868 dedicato alle informazioni di biglietteria attivo tutti i giorni dalle ore 9.00 alle 21.00
Tel: 040 6722298 / 040 6722299 

BIGLIETTERIA LA SERA DEL CONCERTO
Dalle ore 18.00 alle ore 20.15 presso il Teatro Lirico G. Verdi

PREVENDITA BIGLIETTI ONLINE
vedi sotto

-------

Il Concerto è compreso nell'Abbonamento della Stagione 93

Per ulteriori  informazioni:

Associarsi

Abbonamenti

Vera Martinez, violino
Abel Tomàs, violino
Cristina Cordero, viola
Arnau Tomàs, violoncello

LaFil Filarmonica di Milano

NOTE D'ARTISTA
incontro con gli artisti al Ridotto del Teatro Verdi, ore 19.15, ingresso libero

introduzione

Protagonista assoluta è la celebre Serenata per archi di Tchaikowsky che sprigiona tutta la sua forza emotiva in un momento di grande crisi personale del compositore. Melodie ampie e sensuali che raccontano tutto il fascino di un mondo che si trovava ormai alle porte del nuovo secolo. Dopo il successo dell’anno scorso torna il Quartetto Casals insieme agli archi della prestigiosa LaFil Filarmonica di Milano, già ospiti da noi per il Progetto Beethoven e in residenza per il Festival di Trieste - Il Faro della Musica 2024.

SUGGERIMENTO:

Se desideri immergerti ulteriormente nell'universo musicale di Mozart, ti suggeriamo di partecipare al concerto dei Solisti della Camerata Salzburg. In questo concerto, avrai l'opportunità di ascoltare un altro dei suoi divertimenti per archi. Inoltre, non puoi perdere il concerto del Quartetto Jerusalem, che aprirà il programma con il celeberrimo Quartetto n. 19, soprannominato "delle dissonanze".

Programma

Wolfgang Amadeus Mozart
(Salisburgo 1756 - Vienna 1791)

Divertimento per archi in Re maggiore KV136

  1. Allegro
  2. Andante
  3. Presto

Edward Elgar
(Broadheath 1857 - Worcester 1934)

Introduction and allegro, op. 47

  1. Moderato
  2. Allegretto
  3. Allegro
  4. Allegretto comodo

Pyotr Illic Tchaikovsky
(Votkinsk 1840 - San Pietroburgo 1893)

Serenata per orchestra d’archi in Do maggiore, op. 48

  1. Pezzo in forma di Sonatina. Andante non troppo
  2. Valse. Tempo di valse. Moderato
  3. Elegia. Larghetto elegiaco
  4. Finale. Tema russo. Andante
Biografia

QUARTETTO CASALS

"Un giovane quartetto è una miscela caotica di influenze e aspirazioni che devono essere plasmate nel tempo in una voce distinta e coerente. Questo processo richiede molto tempo, sacrificio e pazienza, tutti elementi che spesso scarseggiano negli anni più importanti della formazione di un quartetto".

Dopo aver vinto i Primi Premi ai concorsi di Londra e Brahms-Hamburg, il Cuarteto Casals, fondato nel 1997 presso la Escuela Reina Sofía di Madrid, è stato costantemente ospite delle più prestigiose sale da concerto del mondo, tra cui la Carnegie Hall, la Philharmonie di Berlino, la Cité de la Musique di Parigi, la Philharmonie di Parigi, la Konzerthaus e il Musikverein di Vienna, il Concertgebouw di Amsterdam e la Suntory Hall di Tokyo.

Per celebrare il suo 25° anniversario, il Quartetto ha pubblicato con grande successo di critica l'integrale dell'Arte della Fuga di J.S. Bach e sta attualmente realizzando la registrazione di tutti i 15 Quartetti di Dmitri Shostakovich, uno dei grandi cicli del XX secolo, che uscirà nell'autunno del 2024.

Con più di 27 anni di esperienza insieme, il Cuarteto Casals ha compilato una notevole discografia con l'etichetta Harmonia Mundi, con un repertorio che spazia dai compositori spagnoli meno conosciuti Arriaga e Toldrá ai classici viennesi Mozart, Haydn, Beethoven, Schubert e Brahms, passando per i grandi del XX secolo Debussy, Ravel, Zemlinsky, Bartok, Ligeti e Kurtag, oltre a una registrazione dal vivo in Blue-Ray dell'integrale dei Quartetti di Schubert, per Neu Records.

"Esiste un suono tipico del Cuarteto Casals? Certamente. È caratterizzato da un’accurata, delicatissima penetrazione della partitura e da un suono multistrato che ha sempre qualcosa di fluorescente, di vetroso." Alexander Dick, Badische Zeitung, settembre 2022

Il prestigioso Burletti-Buitoni Trust di Londra ha permesso al Quartetto di iniziare una collezione di archetti di epoca barocca e classica che utilizza per opere che vanno da Purcell a Schubert, affinando la sua capacità di distinguere tra diversi stili musicali. Inoltre, il quartetto è stato profondamente influenzato dal lavoro fatto con compositori viventi, in particolare György Kurtág, e ha eseguito in prima mondiale Quartetti scritti da importanti compositori spagnoli, tra cui un Concerto per quartetto d'archi e orchestra di Francisco Coll, eseguito in prima assoluta con l'Orquesta Nacional de España e commissioni di Mauricio Sotelo, Benet Casablancas, Dahoud Salim, Lucio Amanti, Aureliano Cattaneo e Matan Porat. Inoltre, il Quartetto ha eseguito "Absolute Jest" di John Adams con molte orchestre e nel 2025 eseguirà la prima mondiale di "Fiery Earth" di Elisenda Fabregas al Palau de la Música Catalana.

In riconoscimento dei suoi contributi unici alla vita culturale della Catalogna e di tutta la Spagna, il Cuarteto Casals è stato riconosciuto come ambasciatore culturale dalla Generalitat di Catalogna e dall'Institut Ramon Llull. Tra i riconoscimenti ottenuti in passato figurano il Premio Nacional de Música, il Premio Nacional de Cultura de Catalunya e il Premio Ciutat Barcelona; inoltre il Quartetto ha avuto il privilegio di esibirsi ripetutamente sulla straordinaria collezione di strumenti Stradivari decorati del Palazzo Reale di Madrid. Per onorare i decenni di attività concertistica del Cuarteto Casals, il quartetto ha ricevuto la prestigiosa Medaglia d'Onore dalla Regina Sofía di Spagna.

Oltre a tenere richiestissime masterclass, il Cuarteto Casals è quartetto in residenza presso la Scuola di Musica di Fiesole, il Koninklijk Conservatorium di Den Haag e la Escola Superior de Musica de Catalunya di Barcellona.

Nel 2024/25 il quartetto inizia un nuovo capitolo e accoglie Cristina Cordero alla viola.

LAFIL FILARMONICA DI MILANO

LaFil Filarmonica di Milano è un’orchestra in residenza e a formazione flessibile, a seconda dei programmi, che nasce da una concezione innovativa: le sue prime parti provengono dalle più importanti istituzioni musicali italiane e internazionali (quali l’Orchestra del Teatro alla Scala, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai, Berliner Philharmoniker, Wiener Philharmoniker, MET – Metropolitan Opera House, Concertgebouw Orkeste, Gewandhaus Orchester, Mahler Chamber Orchestra, oltre ad alcune delle più importanti formazioni cameristiche nazionali), a cui si affiancano strumentisti giovani ma già formati, selezionati attentamente tra le eccellenze musicali del futuro.

Dopo il trionfale debutto con l’integrale delle Sinfonie di Schumann al Palazzo delle Scintille di Milano e “Tutti pazzi per Brahms” alla Sala Verdi del Conservatorio di Milano, entrambi diretti da Daniele Gatti, LaFil sotto la direzione di Marco Seco è stata protagonista di due residenze a Sestri Levante e dei concerti di apertura e chiusura di Bookcity Milano 2019 e 2020.  

Nel 2022 ha organizzato il tour “Musica nei Parchi”, durante il quale sono stati eseguiti concerti a Citylife Milano, a Trieste, ospitata all’interno del palinsesto estivo della Società dei Concerti, a Brescia e Bergamo, invitata dal Festival Pianistico Internazionale ed infine al Teatro Due di Parma.

Il 5 e 6 marzo 2022 LaFil ha inaugurato la sua residenza milanese al Teatro Lirico Giorgio Gaber di Milano con il progetto Mendelssohn, che ha visto alternarsi sul podio quattro direttori. Dopo i primi concerti diretti da Marco Seco, solista il pianista Pietro De Maria, il 23 aprile è stato eseguito un concerto d’archi sotto la guida del primo violino, spalla dell’orchestra e cofondatore Carlo Parazzoli. Il 24 aprile è stata la volta dei giovani e brillanti Felix Mildenberger e del violinista Daniel Lozakovich, che in questa occasione hanno entrambi debuttato su un palcoscenico milanese.

Il progetto Mendelssohn si è poi concluso il 5 maggio con un concerto diretto da Leopold Hager.

A luglio 2022 LaFil ha realizzato la sua residenza artistica estiva a Trieste, ospitata dalla prestigiosa Società dei Concerti di Trieste. Per l’occasione, nell’ambito del progetto Beethoven, sono stati proposti, oltre a svariati concerti cameristici, concerti sinfonici sotto la bacchetta, tra gli altri, di Felix Mildenberger e Alexander Lonquich e con la partecipazione di solisti quali il soprano Carmela Remigio e il pianista Alessandro Taverna. Il concerto in chiusura della residenza si è svolto in collaborazione con l’orchestra e il coro del Teatro Verdi. 

Nello stesso anno, LaFil è stata ospite del Festival MiTo con un concerto a Milano e uno a Torino. 

Nel maggio 2023, ha inaugurato il progetto Il Suono dell’Arte, in collaborazione con 24 Ore Cultura, con l’obiettivo di promuovere la musica negli spazi museali. Prima al Mudec con il giovane direttore Adam Hickox, poi a Palazzo Reale, il progetto ha interpretato il concetto di fruizione culturale e musicale della città di Milano, favorendo la contaminazione tra musica e arti visive.

Nel giugno 2023, l’orchestra ha inaugurato la sua residenza artistica a Parma, in collaborazione con Teatro Due, con un progetto dedicato alle musiche di scena. La prima produzione è stata Peer Gynt di Henrik Ibsen con le musiche originali di Edvard Grieg, regista Daniele Abbado, direttore Marco Seco.

Lo scorso ottobre, nell’ambito del Progetto Beyond: Inclusion of Young People beyond Barriers, co-finanziato dal Programma dell’Unione Europea Erasmus+, che vede il coinvolgimento di tre nazioni (Italia, Spagna e Grecia), LaFil, sotto la direzione di Marco Seco, ha eseguito dal vivo le musiche originali composte da Alessandro Solbiati per la messa in scena di Antigone, con la Compagnia Teatrale Puntozero – che riunisce giovani detenuti e non – e la regia di Giuseppe Scutellà.

Dal 2021 LaFil promuove il progetto Musica nei Quartieri, durante il quale abita per alcune settimane i municipi di Milano con incontri, conferenze, prove aperte e concerti da camera e sinfonici.