02Mag

Clemens Hagen e Stefan Mendl

Teatro Verdi Trieste
05/02/2018 - 20:30

Clemens Hagen, violoncello
Stefan Mendl, pianoforte

La vecchia distinzione tra solista e camerista oggi forse ha perso qualche significato ed è sempre più frequente trovare musicisti a tutto tondo. È il caso di questo recital che vede impegnati due musicisti di straordinaria qualità che provengono dai più importanti complessi austriaci: l’Hagen Quartett e il Wiener Klaviertrio.

Programma

Beethoven 7 Variazioni in mi bemolle maggiore per violoncello e pianoforte, WoO 46 sul tema "Bei Männern, welche Liebe fühlen" dell'opera "Die Zauberflote" di Wolfgang Amadeus Mozart
Schumann: Phantasiestücke per violoncello e pianoforte, op. 73
Debussy: Sonata per violoncello e pianoforte in re minore
Webern 2 pezzi per violoncello e pianoforte (1899)
Shostakovich Sonata per violoncello e pianoforte

Biografie

Clemens Hagen

Clemens Hagen è nato a Salisburgo in una famiglia di musicisti. A sei anni ha iniziato a studiare il violoncello, e due anni dopo si è iscritto al Mozarteum di Salisburgo per poi proseguire gli studi al Conservatorio di Basilea con Wilfried Tachezi e Heinrich Schiff. Nel 1983 è stato premiato con il premio speciale dei Wiener Philharmoniker e con il premio Karl Böhm.

Clemens Hagen ha suonato con prestigiose orchestre, tra cui i Berliner Philharmoniker, Wiener Symphoniker, Concertgebouw Orkest Amsterdam, Camerata Academica Salzburg, Deutsche Kammerphilharmonie Bremen, Chamber Orchestra of Europe, NHK Orchestra Tokyo e Cleveland Orchestra. La lunga lista dei direttori d’orchestra con cui ha collaborato conta nomi come Claudio Abbado, Sylvain Cambreling, Daniel Harding, Nikolaus Harnoncourt, Manfred Honeck, Ingo Metzmacher, Horst Stein e Franz Welser-Möst.

Esistono sul mercato registrazioni live del Doppuio Concerto di Brahms con Gidon Kremer, Nikolaus Harnoncourt e l’Orchestra del Concertgebouw, del Triplo di Beethoven con Thomas Zehetmair, Pierre-Laurent Aimard, Nikolaus Harnoncourt e la Chamber Orchestra of  Europe. Con Paul Guldaq ha inciso tutte le opere di Beethoven per violoncello e  pianoforte.

Oltre ai numerosi concerti con il  Quartetto Hagen, di cui fa parte fino dalla fondazione, 30 anni fa, , Clemens Hagen lavora con Martha Argerich,  Renaud Capuçon, Itamar Golanm Paul Gulda, Hélène Grimaud, Gidon Kremer, Oleg Maisenberg,  András Schiff. Benjamin Schmid e Mitsuko Uchida, Leonida Kavakos e molti altri.

Nel 2003 è stato invitato da Claudio Abbado a far parte dell’Orchestra del Festival di Lucerna di cui è membro fino ad oggi.

Dal 1988 insegna all’Università del Mozarteum violoncello e Musica da camera.

Suona un violoncello  Stradivari del 1698.

 

Stefan Mendl

Il viennese Stefan Mendl ha iniziato lo studio del pianoforte con Manfred Wagner-Artzt e ha completato la sua formazione all'Università di Vienna con Alexander Jenner.
Già all'inizio della sua carriera è apparso regolarmente sulle scene concertistiche, in patria e all'estero.
Fonda, nel 1988, il Wiener Klaviertrio, una formazione che, dopo gli studi con artisti come il Trio di Trieste, l'Haydn Trio-Wien, il Trio Beaux Arts, Isaac Stern, Jaime Laredo e i membri del Quartetto LaSalle e del Quartetto Guarneri, si è presto affermata come uno dei più qualificati ensemble europei, esibendosi nei maggiori Festival e nelle più qualificate stagioni di musica da camera, in Europa e in America. Ha, inoltre, al suo attivo molte incisioni per le etichette Naxos, Nimbus e MDG.
Nel 2010/11 il Wiener Klaviertrio è stato "Ensemble in Residence" alla Wigmore-Hall di Londra, ruolo che ha già ricoperto (nella stagione 2006-07) al Konzerthaus di Vienna (Mozartsaaal).
Stefan Mendl collabora frequentemente in duo con il violoncellista Clemens Hagen e lavora regolarmente con artisti come Jörg Widmann, Daniel Sepec, Ruth Ziesak, Donna Brown e Mark Padmore.
Ha tenuto masterclass alla Wigmore-Hall di Londra, al Royal College of Music, alla Toronto Summer Music Academy e negli Stati Uniti.
Insegna Musica da camera all'Universität für Musik und darstellende Kunst di Vienna.