UNA SALZBURG CARD PER IL GIOVANE SOCIO STUDENTE CHE HA FREQUENTATO TUTTI I CONCERTI DELLA STAGIONE

Sul palco del Teatro Verdi di Trieste in occasione dell’ultimo concerto della Società dei Concerti 2015/2016 si è svolta ieri sera la premiazione dell’iniziativa “Giovani a Concerto”, realizzata con la Fondazione CRTrieste per “educare i giovani alla musica, al teatro e alla cultura”.

Sul palco, oltre al vincitore Giacomo Selmo, classe ’91, 24enne e di Palmanova, studente di Scienze Politiche all’Università di Trieste – premiato per aver partecipato al maggior numero di concerti – il Presidente della SdC Nello Gonzini, il direttore artistico Enrico Bronzi, il Prof. Lucio Delcaro – Vicepresidente del CdA della Fondazione Cassa di Risparmio Trieste – e l’Assessore all’Educazione, Scuola e Università e Ricerca,  Antonella Grim.

Il Prof. Delcaro, nel ringraziare la Società dei Concerti per l’impegno profuso ha sottolineato come quest’anno 160 tessere acquistate sono state consegnate ai giovani studenti delle medie, delle superiori oltre che universitari e a studenti del Conservatorio «coinvolgendo dunque un’ampia gamma di ragazzi per sostenere l’educazione alla cultura sin da giovani». L’assessore Grim ha ribadito come «l’educazione precoce alla musica sia fondamentale attraverso percorsi di accompagnamento e ringrazio la Società dei Concerti e la Fondazione CRTrieste per la possibilità che riservate».

Il premio, la “Salzburg Card”, è una carta che permette di accedere gratuitamente o con sconti a luoghi di interesse e manifestazioni culturali della città di Salisburgo e usufruire dei mezzi di trasporto pubblico ed è stata consegnata a Giacomo Selmo dalle giovani collaboratrici della segreteria organizzativa della SdC Jessica Digiovanni e Martina Spessot mentre Enrico Bronzi oltre ad aver salutato il pubblico spiegando brevemente il concerto con Filippo Gamba al pianoforte  sulle prime delle 32 sonate di Beethoven – in programma per la serata e che saranno riprese nelle prossime stagioni –  ha anche anticipato la prossima stagione annunciando un gemellaggio con il Mozarteum di Salisburgo riportando i saluti del Rettorato e del Console Onorario d’Austria a Trieste Sabrina Strolego. Salisburgo vanta una cultura alla musica d’eccellenza, «un piccolo luogo – ha spiegato il direttore artistico – dove la musica è il traino di tutto, anche dell’economia».

Per sottolineare la sinergia tra Austria e Italia attraverso il gemellaggio con il Mozarteum è previsto dal prossimo anno in cartellone a Trieste un musicista di talento e di grande rilievo.